RITRATTI INEDITI DI ICONE DRAG DI NEW YORK E AMSTERDAM DEL PASSATO

RITRATTI INEDITI DI ICONE DRAG DI NEW YORK E AMSTERDAM DEL PASSATO

Amanda Lepore (2), New York, 7 febbraio 1995 © The Remsen Wolff Collection, proprietà di Jochem Brouwer
La storia del primo incontro tra Jochem Brouwer e Remsen Wolff sembra quasi un romanzo di fantasia. Nel 1990, il diciottenne Brouwer lavorava come tirocinante in un negozio di fotografia ad Amsterdam. Un pomeriggio, il fotografo americano Remsen Wolff entrò nel negozio e parlò con il proprietario, dicendo che cercava un assistente. Brouwer non c'era, ma non ha esitato un attimo quando il proprietario l'ha chiamato e gli ha chiesto se fosse interessato: ha subito preso la bici e si è precipitato al negozio. I due sono subito andati d'accordo e il 51enne fotografo lo ha invitato a venire a lavorare per lui a New York. 
Christian Womyn II, New York, 10 aprile 1994 © The Remsen Wolff Collection, proprietà di Jochem Brouwer
Brouwer era pieno di entusiasmo, ma i suoi genitori non volevano lasciarlo andare. "Siamo andati tutti a cena fuori per rassicurarli", dice Brouwer. "Ricordo che mio padre disse: 'Sembra fantastico, ma prima voglio vedere un contratto. Ero molto imbarazzato, ma Remsen era completamente d'accordo. Ha fatto un contratto che diceva che avrei avuto uno stipendio orario e un alloggio pagato, e che avrei dovuto pagarmi da solo il cibo. Ho firmato e siamo partiti poco dopo.
Kzaviera, Amsterdam 21 maggio 1992 © The Remsen Wolff Collection, proprietà di Jochem Brouwer
Dopo il primo viaggio, ne seguirono altri otto in America. Brouwer ha lavorato con il fotografo per cinque anni: lo ha aiutato nel suo progetto di raccontare le drag queen e le persone transgender che ha effettuato ad Amsterdam e New York. Wolff è morto nel 1998 dopo un breve periodo di malattia, ma la collaborazione tra i due non è finita qui. Brouwer ha ereditato la collezione completa di Wolff: 200.000 foto, quarant'anni di materiale d'archivio, più un compito: mostrare il suo lavoro al pubblico.
Misstress Formika, New York, 16 marzo 1992 © The Remsen Wolff Collection, proprietà di Jochem Brouwer
Da allora, Brouwer ha conservato le stampe e i negativi in cartellette che riempiono la camera da letto e il soggiorno del suo appartamento ad Amsterdam-Noord. 21 anni dopo, il desiderio di Wolff si è finalmente avverato. Parte della sua serie è stata esposta l'anno scorso all'OSCAM in occasione del pride di Amsterdam.
Joris, Amsterdam 24 april 1991 © The Remsen Wolff Collection, proprietà di Jochem Brouwer
Remsen Wolff non è molto conosciuto, nonostante il suo enorme lavoro. Può dirci qualcosa di più su di lui?
Remsen era un fotografo e poeta di New York. È cresciuto in una famiglia benestante: sua madre era Isabel Bishop, una nota pittrice; suo padre era un insegnante. Ha studiato storia dell'arte ad Harvard. Fotografava da quando aveva dieci anni, ma non ha mai trasformato la sua passione in una carriera professionale.
James, New York, 15 giugno 1991 © The Remsen Wolff Collection, proprietà di Jochem Brouwer
Tuttavia, la sua macchina fotografica era la sua àncora, una sorta di armatura che lo aiutava a combattere la sua agorafobia e paura ad avventurarsi all'aperto. La sua identità di genere è stata per lui una vera e propria lotta e lo ha reso un solitario. Aveva quarant'anni quando ha fatto coming out: all'epoca aveva una moglie e due figlie. La lotta personale lo ha ispirato a concentrarsi completamente su gruppi che si sentivano ugualmente diversi. Ha iniziato a ritrarre persone transgender e drag queen, con l'obiettivo di renderli celebri e di metterli su un piedistallo, e di conseguenza è nata la serie Special Girls - A Celebration.
Constance, New York, 6 giugno 1992 © The Remsen Wolff Collection, proprietà di Jochem Brouwer
Le foto sono impressionanti. Come mai Remsen non è diventato famoso?
Ciò è dovuto principalmente a Remsen stesso. Viveva una vita isolata e non era bravo a vendere le proprie opere. Lo descriverei come un recluso intellettuale. Il suo lavoro non gli ha mai portato guadagno.
Frank, Amsterdam 7 gennaio 1991 © The Remsen Wolff Collection, proprietà di Jochem Brouwer
Perché era così riservato?
Il suo passato ha avuto un ruolo importante, ma questo l'ho scoperto dopo. Negli anni Ottanta ha vissuto in Texas, dove è stato ingiustamente accusato di una serie di omicidi. Durante una rappresentazione teatrale, la polizia lo ha trovato tra il pubblico e lo ha arrestato. Le registrazioni del suo arresto sono state trasmesse in televisione poco dopo. Remsen si è rivelato innocente. Ha fatto causa all'emittente e ha ricevuto un milione di dollari di danni. Quindi guadagnare non era più una sua preoccupazione, adesso poteva dedicare tutta la sua vita alla fotografia.
Frank, Amsterdam 7 gennaio 1991 © The Remsen Wolff Collection, proprietà di Jochem Brouwer
Che storia! Come hai reagito quando te l'ha detto? Sono rimasto scioccato. Me l'ha detto solo dopo diverse volte. Tuttavia, ho sempre saputo che stava succedendo qualcosa di strano. Quando si trattava di lavoro, non ha badato a spese. Ha soggiornato all'American Hotel di Amsterdam per mesi. I suoi voli erano in prima classe, e quando i servizi fotografici erano finiti, si assicurava sempre che le modelle potessero avere i migliori snack e vini dal suo frigorifero. Ha davvero usato i soldi per dedicarsi completamente a questo progetto.
Hellun Zelluf, Amsterdam 14 novembre 1990 © The Remsen Wolff Collection, proprietà di Jochem Brouwer
Come ha conosciuto le sue modelle? Ha messo degli annunci sui giornali gay o attraverso persone che conosceva o le ha trovate in club come The Webster, The Limelight o Tunnel. Uscivamo spesso insieme e incontravamo modelle fantastiche. Ma Remsen non fotografava chiunque, doveva interessarsi davvero alla persona. Il suo progetto è sempre stato incentrato sulla storia ed era molto interessato a ciò che la gente faceva.
París, New York, 17 marzo 1993 © The Remsen Wolff Collection, proprietà di Jochem Brouwer
Ci sono modelle che sono rimaste nella tua memoria? Molte. Quando avevo 21 anni, ho incontrato Kabuki Starshine in un club. Non dimenticherò mai il momento in cui l'ho vista per la prima volta. Siamo riusciti a fotografarla e subito dopo Thierry Mugler l'ha scoperta. Poco dopo sarebbe diventata la make-up artist di Sex and the City. Da allora ho guardato il suo lavoro. Il fatto che siamo stati in grado di lavorare con lei in una fase così precoce della sua carriera è ancora una cosa speciale per me.
Austine (1), New York, 31 luglio 1990 © The Remsen Wolff Collection, proprietà di Jochem Brouwer
Vivere a New York negli anni '90 deve essere stato interessante. Come ha vissuto questa esperienza a 18 anni? Dicono che la gioventù sia sprecata per i giovani, ma credo che questo non valga per me. Ho approfittato di quegli anni. Ma è stato anche un periodo turbolento. Direi che gli anni '90 in Europa sono stati relativamente gay-friendly, mentre New York era afflitta da aggressori omofobici: persone che picchiavano facilmente gli omosessuali.
Eric Pelka, New York, 11 settembre 1994 © The Remsen Wolff Collection, proprietà di Jochem Brouwer
Quando sono arrivato, Remsen mi ha dato un fischietto: i fischietti giravano all'interno della comunità in modo in cui tutti potevamo attirare l'attenzione se ci sentivamo minacciati. Mi ha chiesto di chiamarlo ogni volta che avevo bisogno di un posto per dormire, il che mi ha fatto sentire al sicuro. All'epoca aveva una sorta di ruolo paterno.
Clare Scandelle, New York, 8 agosto 1994 © The Remsen Wolff Collection, proprietà di Jochem Brouwer
L'hai visto anche come un modello di riferimento? Per certi versi sì, ha influenzato molto la mia vita oltre che i miei genitori ed è una delle persone che mi hanno fatto diventare quello che sono oggi. La mia fiducia in me stesso è cresciuta perché mi ha dato una notevole responsabilità, anche se avevo solo diciotto anni e non conoscevo bene New York. L'ho assistito in tutto: riprese, materiali, persino nell'ottenere le migliori camere negli alberghi che abbiamo visitato. Di tanto in tanto sentiva il bisogno di trasferirsi, così lo aiutavo a trasferirsi in un nuovo quartiere di New York. Era un po' mondano, e io sono diventato il suo portavoce, qualcuno che risolveva le cose per lui nel "mondo reale". Diceva sempre: "Efficienza Jochem, sempre efficienza". Lo dico ancora oggi a me stesso. (ride).
Kabuki Starshine, Nueva York, 29 abril 1993 © The Remsen Wolff Collection, proprietà di Jochem Brouwer
Dopo la sua morte, ti ha improvvisamente lasciato con un'enorme responsabilità.
Non c'è dubbio. Mi ha lasciato tutto il suo lavoro, una borsa di denaro e la missione di mostrare il suo lavoro al mondo. Insomma, è una bella responsabilità. All'inizio le cose sono state difficili: solo nel 2001 l'archivio è diventato davvero mio, perché le sue figlie avevano impugnato le sue volontà. Dopo l'11 settembre, nessuno negli Stati Uniti era interessato alle foto. Immagino che il mondo non fosse ancora pronto per il suo lavoro: il soggetto semplicemente non era così popolare nel mondo dell'arte. Non ero riuscito a portare a termine il compito di Remsen ed ero rimasto deluso per molto tempo. Remsen ha permesso a poche persone di entrare nella sua vita. Mi sentivo onorato che mi avesse fatto entrare. Era speciale per me, sia come persona che come fotografo, il che aumentava la pressione che sentivo. Ora ho 46 anni e sembra che, a poco a poco, finalmente ci sto riuscendo a farlo conoscere. Non riesco a descrivere quanto mi senta sollevato da tutto questo.
Miss Guy, New York, 29 gennaio 1991 © The Remsen Wolff Collection, proprietà di Jochem Brouwer
Perché pensi che il mondo sia finalmente pronto a vedere il suo lavoro?
La sua collezione copre temi che sono ancora attuali. Negli ultimi anni, temi come il razzismo e la rappresentanza della comunità LGBT sono stati temi importanti nella sfera pubblica. Il lavoro di Remsen degli anni Novanta è importante qui e ora. La sua fotografia è onesta e riflessiva: la quantità di tempo e di attenzione che ha messo in ogni ritratto è davvero notevole. Non ho mai dubitato del valore del suo lavoro. Ho dovuto avere pazienza per vent'anni prima che anche gli altri lo vedessero.
París, New York, 17 marzo 1993 © The Remsen Wolff Collection, proprietà di Jochem Brouwer
 
FONTE: https://i-d.vice.com/es/article/4agzjj/retratos-drag-confinamiento
 
- Se ti piace Notizie LGBT metti mi piace alla pagina facebook QUI -

Posta un commento

0 Commenti