"PREFERIVO MORIRE PIUTTOSTO CHE FAR SAPERE ALLA SQUADRA CHE SONO GAY"

"PREFERIVO MORIRE PIUTTOSTO CHE FAR SAPERE ALLA SQUADRA CHE SONO GAY"

 

A prima vista, sembra che le culture in Occidente siano sempre più aperte e che il progresso delle leggi sia espressione di questo crescente rispetto per la diversità. Tuttavia, l'omosessualità è ancora un grande tabù nel mondo dello sport e lo è ancora di più nelle discipline maschili. Per quanto progressista possa essere una società, questo rimane un ambito in cui le persone devono nascondere chi sono realmente per evitare pregiudizi, discriminazioni e, in molti casi, umiliazioni.

Ma ci sono alcuni che hanno il coraggio di rompere gli schemi e cercano di rendere pubbliche le loro storie per trasformare la realtà e creare un ambiente più gentile e rispettoso per le nuove generazioni. Così Dan Palmer, un ex giocatore di rugby australiano, che ha avuto un breve periodo con la nazionale del suo paese (Wallabies) e ha giocato in squadre di Super Rugby tradizionali come i Brumbies o i Waratahs.

In un'ampia lettera pubblicata sul Sydney Morning Herald, l'ex giocatore non solo ha parlato apertamente della sua omosessualità, ma ha anche raccontato quei tristi episodi che ha dovuto affrontare in gioventù a causa del segreto che doveva tenere per sé.

Ho fantasticato di scomparire, di cambiare il mio nome e di iniziare una nuova vita". Non sto esagerando quando dico che la mia morte mi sembrava preferibile al fatto che qualcuno scoprisse che ero gay", ha dichiarato Palmer nello stesso scritto in cui ha raccontato che in quel momento ha pianto fino ad addormentarsi e che per farlo è ricorso a un pericoloso cocktail di oppiacei.

I problemi con le droghe si sono fatti più acuti fino a quando un giorno - quando aveva 25 anni e giocava in un club in Francia - è andato in overdose a causa dell'assunzione di antidolorifici. Quella situazione significava un prima e un dopo: salì su un aereo e andò a Londra a trovare un amico. Lui è stato la prima persona a cui disse di essere gay.

Fu anche in questo momento che decise di smettere di giocare a rugby. "La mia passione per lo sport era andata scemando negli ultimi anni e ho iniziato a sentire un sacco di rimorsi per aver passato i migliori anni della mia vita fingendo di essere qualcuno che non ero", ha detto Palmer, che è tornato nel suo paese e ha iniziato a studiare scienze e psicologia, specializzandosi in neuroscienze.
Nella lettera, l'ex giocatore racconta di come nascondeva il suo vero orientamento ai compagni di squadra. "Avevo alcune tattiche per affrontare alcuni problemi ed evitarne altri. Sono diventato aggressivo e sulla difensiva quando sentivo di perdere il controllo della situazione. Più a lungo ho permesso che questa cosa andasse avanti, più diventava difficile spezzare la catena. Sotto tutto ciò c'era un profondo senso di colpa", ha detto.

Palmer è stato anche molto critico nei confronti di Israel Folau, il giocatore che è stato espulso dalla nazionale australiana nel 2019 per i suoi commenti omofobici sui social network. "Ho sentito la responsabilità di fare qualcosa. Per me, più importante del danno che può causare al rugby è il grande impatto che ha sui giovani che lo ammirano e che lottano ogni giorno per capire la propria sessualità", ha detto, ricordando che Folau "è l'eccezione e non la regola" all'interno dello sport della palla ovale.

In questo senso, l'australiano si è rammaricato del fatto che, ad oggi, l'unico giocatore di rugby professionista uscito allo scoperto è stato Gareth Thomas, storico capitano del Galles, che ha parlato apertamente della sua sessualità nel 2009, una volta comunicato il suo ritiro dall'attività.
Gareth Thomas
"Mi fa star male sapere che nel 2020 ci sono ancora persone che si torturano come ho fatto io. Sia all'interno che all'esterno dello sport dobbiamo essere migliori. Se questa lettera favorirà un dialogo, farà sentire le persone più a proprio agio con chi sono o aiuterà qualcuno a capire cosa sta succedendo a una persona cara, sarà un successo", ha concluso.

FONTE: https://www.infobae.com/america/deportes/2020/11/08/mi-propia-muerte-era-preferible-a-que-alguien-descubriera-que-era-gay-la-impactante-carta-que-conmueve-al-mundo-del-rugby/

- Se ti piace Notizie LGBT metti mi piace alla pagina facebook QUI -

Posta un commento

0 Commenti