IL SECOLO NEL QUALE ESSERE LESBICA ERA BEN VISTO

Recents in Beach

header ads

IL SECOLO NEL QUALE ESSERE LESBICA ERA BEN VISTO

Questo affascinante e peculiare fenomeno si è verificato sia in Oriente che in Occidente. Lasciate che ve lo racconti:

Negli Stati Uniti, nel XIX secolo, era normale che due donne andassero a vivere insieme e facessero una vita congiunta. È lo stesso periodo di cui esistono molte (migliaia) di documenti di corrispondenza scritta tra " amiche " con un tono così intenso, persino erotico, che farebbe vergognare il sottotesto di Xena, la principessa guerriera. Era normale. Non solo normale, era ben visto, e si pensava che si dovesse parlare bene della donna che arrivava ad avere sentimenti così puri e profondi. Si supponeva persino che aumentasse il proprio peso se si cercava un marito (naturalmente questa libertà era basata sul fallocentrismo dell'epoca: due donne potevano fare tutto il sesso che volevano visto che non era considerato sesso). 

Matrimonio bostoniano

Henry James scrisse di queste donne che avevano fatto vita e passioni insieme in "Le Bostoniane" (sua sorella era lesbica e viveva con la sua compagna). È così che è stato creato il concetto di matrimonio bostoniano, e molte donne lo hanno difeso come una forma di ribellione contro la sottomissione che il matrimonio implicava. Queste donne sono state le prime ad entrare nel mondo del lavoro, erano istruite e, soprattutto, libere. Per Henry, questi matrimoni erano di "pura devozione", -ovviamente nemmeno lui concepiva il sesso tra donne-.

Il concetto si diffuse in Europa, che osò persino con il primo film lesbico della storia: Mädchen in Uniform, che contiene il primo bacio cinematografico lesbico della storia (tra un'insegnante e la sua studentessa).


 

E ha addirittura attraversato un altro continente: All'inizio del XX secolo in Giappone, l'imperatore Taisho Tennoo, grande viaggiatore e pensatore, portò una moltitudine di idee occidentali nel paese. Tra questi, certe idee sociali e politiche, anche femministe, si potrebbe dire. Dietro le quinte c'era il "concetto" o la "possibilità" di una relazione sessuale e sentimentale tra due donne. Fu quando le storie d'amore lesbiche cominciarono ad appassionare la letteratura giovanile. Dall'autrice di bestseller Yoshiya Nobuko (nella foto in basso), l'amore lesbico è diventato un bestseller cronico. Ha avuto un tale successo che ha normalizzato l'idea delle relazioni lesbiche tra ragazze come un trampolino di lancio verso l'età adulta. E il matrimonio, naturalmente (non ci si può aspettare che fossero più 'moderni' di così). È stato persino creato un genere per dare un nome a questa letteratura: Classe S o genere Yuri.

Yoshiya Nobuko

I romanzi di Yoshiya sono stati i primi sul pianeta a parlare di lieto fine di storie d'amore tra donne e persino di scene erotiche esplicite. Ha persino osato con la storia d'amore tra un insegnante e una studentessa (wow, la storia si ripete). Le storie d'amore erano così intense che i doppi suicidi di coppie lesbiche adolescenti divennero la norma (Questo è il mondo giapponese).

Ma la storia cambiò corso (non voglio pensare che la stessa cosa possa accadere oggi). Un altro imperatore venne in Giappone, un imperatore fascista. Yoshiya ha continuato a scrivere storie d'amore lesbiche, ma con più sottotesti e finali eterosessuali. Alcuni politici fascisti vennero anche in Europa. E negli Stati Uniti ci fu un vero e proprio contraccolpo culturale, tanto che il termine "matrimonio bostoniano" cominciò ad essere usato in modo dispregiativo. Sapete cosa è successo dopo.


E così finì la storia della visibilità lesbica, che dovette aspettare altri 100 anni per tornare al punto in cui era. Non lasciare che accada di nuovo: è il momento di essere così liberi e così visibili che non si può tornare indietro.

FONTE: http://www.mirales.es/el-siglo-en-que-ser-lesbiana-estuvo-de-moda

- 🌈 Se ti piace Notizie LGBT metti mi piace alla pagina facebook QUI -