LA SITUAZIONE DEL MATRIMONIO EGUALITARIO IN EUROPA DOPO L'APPROVAZIONE IN SVIZZERA

LA SITUAZIONE DEL MATRIMONIO EGUALITARIO IN EUROPA DOPO L'APPROVAZIONE IN SVIZZERA

Adesso che la Svizzera è diventato il più recente paese a legalizzare il matrimonio tra persone dello stesso sesso, diamo uno sguardo alla storia del matrimonio egualitario in Europa, in cui l'Italia resta l'unico paese occidentale escluso.

Con il 64,1% dei voti a favore, i cittadini svizzeri hanno votato in maggioranza a favore della riforma del codice civile che permette il matrimonio tra persone dello stesso sesso, approvata dal Parlamento nel dicembre 2020. 

Oltre al diritto di sposarsi, la riforma ora approvata in un plebiscito stabilisce l'uguaglianza in materia di adozione per le coppie dello stesso sesso e il diritto alla riproduzione assistita per le coppie di donne. 

Secondo la BBC, il ministro della giustizia Karin Keller-Sutter ha detto che i primi matrimoni tra persone dello stesso sesso potrebbero avvenire già nel luglio del prossimo anno. "Chi si ama e vuole sposarsi può farlo, indipendentemente dal fatto che si tratti di due uomini, due donne o un uomo e una donna", ha aggiunto.


Con questo risultato a favore dei diritti LGTBI nel referendum svizzero, ci sono ora 30 paesi nel mondo dove esiste il matrimonio egualitario, 17 dei quali in Europa. C'è da aggiungere che l'unico cantone contrario al matrimonio egualitario è stato il canton Ticino, quello di lingua italiana.

Diamo quindi uno sguardo alla lunga e ricca storia del matrimonio egualitario in Europa.

2001 - Paesi Bassi

I Paesi Bassi sono stati il primo paese al mondo a legalizzare il matrimonio tra persone dello stesso sesso nel 2001. Allo scoccare della mezzanotte del 1° aprile, Job Cohen, allora sindaco di Amsterdam, ha sposato tre coppie gay e una coppia lesbica in una cerimonia congiunta in municipio. Da quel giorno memorabile, più di 20 anni fa, più di 20.000 coppie dello stesso sesso si sono sposate nei Paesi Bassi, secondo i dati pubblicati da Statistics Netherlands all'inizio di quest'anno.

La strada verso l'uguaglianza matrimoniale è stata relativamente semplice per i Paesi Bassi. Nel 1998, il paese aveva emanato una legge che permetteva alle coppie dello stesso sesso di registrare la loro unione, consentendogli così di richiedere pensioni, sicurezza sociale ed eredità. Tuttavia, il matrimonio omosessuale ha portato una maggiore uguaglianza ed è stato introdotto insieme a nuovi diritti per l'adozione per le coppie dello stesso sesso.

La Camera dei Rappresentanti olandese ha approvato la legge sul matrimonio omosessuale il 12 settembre 2000 con 109 voti favorevoli e 33 contrari. Il dibattito pubblico riguardante questa parità è stato descritto all'epoca come "principalmente simbolico", con solo alcuni partiti cristiani e piccoli oppositori di destra che si opponevano all'uguaglianza.


2003 - Belgio

Due anni dopo che i Paesi Bassi approvarono il matrimonio tra persone dello stesso sesso, il Belgio è diventato la seconda nazione al mondo a riconoscere ufficialmente il matrimonio tra persone dello stesso sesso. CBS News ha riferito che la Camera dei Rappresentanti belga ha approvato la legge con il voto schiacciante di 91 a 22.

Tuttavia, il progetto di legge non si è spinto fino a consentire alle coppie dello stesso sesso il diritto di adottare bambini. Questo sarebbe arrivato più tardi, nel 2006, quando il Parlamento belga ha approvato una legge che concede alle coppie dello stesso sesso gli stessi diritti di adozione delle coppie eterosessuali.


2005 - Spagna

Il parlamento spagnolo ha votato nel 2005 per approvare una legge storica che legalizza il matrimonio tra persone dello stesso sesso, dando loro uguali diritti di eredità e permettendo loro di adottare bambini. Secondo The Guardian, la Chiesa cattolica e i leader conservatori si sono opposti ferocemente alla legislazione. La Chiesa si è opposta con tanta veemenza al progetto di legge che ha appoggiato una protesta in cui centinaia di migliaia di persone - tra cui 20 vescovi - hanno marciato per Madrid opponendosi alla legislazione il 18 giugno. Comunque la legge è stata approvata come dimostrato da questi video dal parlamento spagnolo sottotitolati in italiano.

2009 - Svezia

Il matrimonio tra persone dello stesso sesso è legale in Svezia dal 2009, dopo l'approvazione di una legge sul matrimonio neutro. Secondo la Reuters, la legge è passata in parlamento con un voto schiacciante, con 261 voti a favore e solo 22 contrari. Il governo ha detto sul suo sito web all'epoca che la decisione significava che "il genere non ha più un impatto sulla capacità di sposarsi e che la legge sulle unioni civili è abrogata". La Svezia già permetteva alle coppie dello stesso sesso di formare un'unione civile a metà degli anni '90 e poi ha legalizzato l'adozione da parte di coppie dello stesso sesso nel 2002.

2010 - Portogallo e Islanda

Il Parlamento portoghese ha approvato un disegno di legge che legalizza il matrimonio tra persone dello stesso sesso nel gennaio 2010, e la legge è stata ratificata dall'allora presidente Anibal Cavaco Silva a maggio. Il passaggio della legge ha reso il paese prevalentemente cattolico la sesta nazione europea a riconoscere i matrimoni tra persone dello stesso sesso. Nel giugno di quell'anno, una coppia lesbica, che erano anche genitori e stavano insieme dal 2003, è diventata la prima coppia dello stesso sesso a sposarsi in Portogallo, ha riferito la BBC. In questo video, un telegiornale dell'epoca sottotitolato in italiano che parla di questo evento. Da notare che la notizia in Italia è arrivata sotto tono ed è stata incentrata soprattutto su un governatore che "ha dovuto firmare per forza l'approvazione".

Poco dopo, l'Islanda ha seguito l'esempio e ha approvato la propria legislazione sul matrimonio omosessuale. Il parlamento di Althingi ha votato 49 a zero nel giugno 2010 per cambiare la formulazione della legislazione esistente sul matrimonio per includere le coppie dello stesso sesso, secondo Reuters. Appena un giorno dopo l'entrata in vigore della legislazione, il primo ministro islandese apertamente gay dell'epoca, Johanna Sigurdardottir, ha sposato il suo partner fisso. Sigurdardottir è stata anche il primo capo di governo apertamente gay al mondo.

2012 - Danimarca

La Danimarca è stato il primo paese al mondo a permettere le unioni civili tra persone dello stesso sesso nel 1989, ma la legge sul matrimonio egualitario sarebbe arrivata solo decenni dopo. Solo nel 2012 il matrimonio tra persone dello stesso sesso è stato legalizzato in Danimarca, dopo che il parlamento ha votato 85 a 24 a favore nel giugno di quell'anno, ha riferito la BBC. La legge, entrata in vigore il 15 giugno dello stesso anno, ha anche permesso alle coppie dello stesso sesso di sposarsi in cerimonie religiose complete, invece di limitarsi a benedire o registrare civilmente le unioni che erano permesse in precedenza.

2014 - Inghilterra e Galles

Poiché il matrimonio è una questione legislativa decentralizzata nel Regno Unito, diverse parti del paese hanno legalizzato il matrimonio egualitario in tempi diversi.

Il matrimonio tra persone dello stesso sesso era stato esplicitamente proibito nel Nullity of Marriage Act del 1971 in Inghilterra e Galles. Le coppie dello stesso sesso hanno dovuto aspettare decenni prima di ottenere il riconoscimento legale dopo il passaggio del Civil Partnership Act (unioni civili) nel 2004. Il disegno di legge è stato introdotto dal partito laburista di Tony Blair e ha dato alle coppie dello stesso sesso del Regno Unito il tanto necessario e atteso riconoscimento legale.

Ma la lotta per la piena uguaglianza del matrimonio è continuata. Celia Kitzinger e Sue Wilkinson sono state una parte fondamentale di quella lotta. La coppia lesbica britannica si è sposata in British Columbia, Canada, nell'agosto 2003, dopo la legalizzazione del matrimonio omosessuale in quel territorio. Ma quando sono tornati in Inghilterra, il loro matrimonio è stato riconosciuto solo come unione civile. Ne è seguita una battaglia legale, in cui la coppia ha combattuto per essere riconosciuta come coppia sposata dal sistema legale inglese. Una battaglia che hanno perso il 31 luglio 2006, quando l'Alta Corte si è pronunciata contro di loro.

Una pietra miliare cruciale è arrivata nel febbraio 2010, quando David Cameron, allora leader del partito conservatore, ha detto ai lettori di PinkNews che avrebbe considerato il caso se fosse diventato primo ministro. Quello stesso anno, dopo le elezioni generali del 2010, i conservatori e i liberaldemocratici formarono una coalizione, e il governo, in particolare l'allora ministro dell'uguaglianza Lynne Featherstone (che alla fine divenne uno dei principali architetti della legge sul matrimonio egualitario), avrebbe poi lanciato una consultazione pubblica sul matrimonio omosessuale nel 2011. Nello stesso anno, David Cameron espresse il suo sostegno. Un commovente cortometraggio pubblicato nell'aprile 2012 dal pluripremiato regista Mike Buonaiuto per la campagna Equal Marriage Coalition, e appoggiato da PinkNews, ha catturato lo stato d'animo della nazione, raccogliendo più di mezzo milione di visualizzazioni in meno di una settimana.

Maria Miller, allora ministro per pari opportunità, ha introdotto il progetto di legge per il matrimonio egualitario il 24 gennaio 2013. Il disegno di legge è passato con successo attraverso la Camera dei Comuni nella sua seconda lettura con 400 voti contro 175. È poi passato attraverso la Camera dei Lord e ha ricevuto il Royal Assent dalla regina Elisabetta II il 17 luglio 2013, aprendo la strada alle coppie dello stesso sesso al matrimonio dal 29 marzo 2014.


2013 - Francia

Il governo francese ha votato una legge che legalizza il matrimonio e l'adozione tra persone dello stesso sesso nell'aprile del 2013, dopo mesi di intenso dibattito. Appena un giorno prima che la legislazione fosse approvata, il Consiglio costituzionale francese ha respinto una sfida legale da parte dell'opposizione di destra, che si opponeva ferocemente alla legge. France24 ha riferito che l'allora presidente François Hollande aveva promesso il "matrimonio per tutti" durante la sua campagna presidenziale. Dopo la sentenza del tribunale, ha dichiarato che "ora è il momento di rispettare la legge e la Repubblica".

2014 - Scozia

Una legge sul matrimonio omosessuale è stata approvata dal Parlamento scozzese nel febbraio 2014 e ha ricevuto il Royal Assent un mese dopo. È entrata in vigore nel dicembre dello stesso anno e molte persone hanno potuto convertire le loro unioni in matrimoni, con le prime cerimonie di matrimonio tra persone dello stesso sesso che hanno avuto luogo il 31 dicembre. Tom French dell'Equality Network ha detto alla BBC all'epoca che la legalizzazione del matrimonio omosessuale era un "enorme passo avanti per i diritti LGBTI in Scozia, sia in termini di uguaglianza nella legge che nel modo in cui le relazioni omosessuali sono viste nella società".

2015 - Lussemburgo

Anche il Lussemburgo ha approvato la legislazione sul matrimonio omosessuale nel 2014, dato che il parlamento del piccolo paese ha approvato una legge sul matrimonio omosessuale con un voto schiacciante di 56 a 4. I primi matrimoni hanno avuto luogo il 1° gennaio 2015. Nel maggio dello stesso anno, il primo ministro lussemburghese Xavier Bettel è diventato il primo leader dell'UE in carica - e il secondo al mondo - a sposare il suo partner, Gauthier Destenay. Sono stati tra le prime coppie a beneficiare dell'entrata in vigore della legislazione sul matrimonio egualitario.

2017 - Malta e Germania

Il parlamento di Malta ha approvato il progetto di legge sul matrimonio egualitario nel 2017, che cambia alcune formulazioni nella legge maltese sul matrimonio per includere le coppie dello stesso sesso. Secondo quanto riportato dal media DW, il disegno di legge è stato approvato con 66 voti contro 1 visto che i legislatori maltesi hanno accettato di sostituire le parole "marito" e "moglie" con il termine neutro "coniuge". L'unico deputato che si è opposto alla legge, Edwin Vassallo, di origine italiana, ha sostenuto che era "moralmente inaccettabile" per lui votare a favore della legge a causa delle sue convinzioni religiose.

La Germania aveva riconosciuto le unioni civili dal 2001, ma, come altri paesi, non concedeva alle coppie omosessuali in unione civile gli stessi diritti delle loro controparti eterosessuali. Il parlamento tedesco ha votato a favore dell'introduzione della legislazione sul matrimonio omosessuale nel giugno 2017, pochi giorni dopo che l'allora cancelliere Angela Merkel aveva ritirato il suo voto contrario. In precedenza aveva detto che, per lei, il matrimonio era tra un uomo e una donna, ha riferito la BBC. Ma ha rapidamente invertito la rotta e ha espresso la sperazna che il passaggio della legge sul matrimonio egualitario porti alla "coesione sociale e alla pace".

2019 - Austria

La Corte costituzionale austriaca ha stabilito nel 2017 che le coppie dello stesso sesso hanno il diritto di sposarsi dal 1° gennaio 2019. La sentenza è arrivata dopo che una coppia dello stesso sesso ha sfidato una legge del 2009 permetteva l'unione civile , ma non il matrimonio, secondo la BBC. L'unione civile dava alle coppie dello stesso sesso meno diritti del matrimonio. Due donne austriache, Nicole Kopaunik e Daniela Paier, sono diventate la prima coppia dello stesso sesso a sposarsi ufficialmente in una cerimonia a Velden poco dopo la mezzanotte del 1° gennaio 2019, come spiegato in questo articolo.

2020 - L'Irlanda del Nord diventa l'ultima parte del Regno Unito a introdurre la parità di matrimonio

Il parlamento dell'Irlanda del Nord (paese che fa del cattolicesimo una sua identità) ha votato a favore del matrimonio egualitario nel 2015, ma la misura è stata bloccata dal partito DUP attraverso una istanza di protesta. Ma nel giugno 2019, mentre l'istanza era in attesa di essere approvata o rifiutata, la Camera dei Comuni è intervenuta e con una decisione storica, i deputati hanno votato 383 a 73 a favore di una clausola per estendere il matrimonio omosessuale all'Irlanda del Nord, presentata dal deputato laburista Conor McGinn. Nel gennaio 2020, le coppie dello stesso sesso hanno potuto registrarsi per il matrimonio, e le prime cerimonie hanno potuto avere luogo nel febbraio dello stesso anno come spiegato in questo articolo.

La situazione italiana

Una notevole eccezione riguardo all'uguaglianza dei matrimoni tra persone dello stesso sesso in Europa  è l'Italia, essendo l'unico paese occidentale a non avere il matrimonio tra persone dello stesso sesso e nessuna legge contro l'omofobia. Purtroppo le previsioni non sono ottimistiche a causa di governi intrinsecamente corrotti, legati alla Chiesa e che non pensano ai diritti dei loro cittadini. A questo si aggiunge che, grazie anche a mass media non liberi (il paese è 41esimo posto come libertà di stampa nel mondo) i sondaggi vedono la destra, profondamente retrograda e omofoba, prossima vincitrice alle elezioni. L'Italia soltanto unioni civili scarne e senza adozione dal 2016 grazie al compromesso al ribasso voluto da Renzi.

Unioni civili in Europa

Come l'Italia, altri paesi europei riconoscono qualche forma di unione tra persone dello stesso sesso, comprese le unioni civili. Secondo il Pew Research Center, questi includono Andorra, Croazia (come spiegato in questo articolo), Cipro, Repubblica Ceca, Grecia (come spiegato in questo video), Slovenia e Liechtenstein.

Dove non vi è alcun riconoscimento

Tuttavia, il matrimonio omosessuale rimane illegale in molti paesi europei. Secondo Euronews, la Polonia e l'Ungheria vietano costituzionalmente il matrimonio tra persone dello stesso sesso.

Diversi paesi, tra cui Ucraina, Russia, Turchia, Albania, Azerbaigian, Bosnia ed Erzegovina, Georgia, Bielorussia, Lettonia, Bulgaria e Macedonia del Nord, non riconoscono neppure le unioni civili tra persone dello stesso sesso.

Un disegno di legge che avrebbe permesso le unioni civili tra persone dello stesso sesso in Lituania non è riuscito a superare il suo primo ostacolo parlamentare all'inizio di quest'anno. Euronews ha riferito che il disegno di legge è stato sconfitto per un soffio dopo che 63 parlamentari avevano votato a favore e 58 contro; il disegno di legge aveva bisogno di 65 voti per passare.

Un referendum che cercava di stabilire un divieto costituzionale sul matrimonio omosessuale in Romania è fallito nel 2018 dopo essere stato sostenuto dalla Chiesa ortodossa del paese. Il fallimento è stato dovuto al fatto che solo una minima parte degli aventi diritto si è recata a votare.

I deputati estoni hanno votato 40-38 a favore della legalizzazione del matrimonio egualitario nel 2014, diventando il primo stato ex sovietico a farlo. La legislazione doveva entrare in vigore nel 2016, ma il processo burocratico ha impedito la piena attuazione della legge.

La situazione dal mondo

In tutto il mondo, sono ormai 30 i paesi in cui esiste il matrimonio egualitario, aggiungendo al gruppo europeo i seguenti paesi: Canada (2005) - Sudafrica (2006) - Messico (in vigore in alcuni stati; qui e qui i video su Città del Messico, qui il video dallo stato di Coahuila, qui l'articolo dallo stato di Sinaloa) - Argentina (2010), qui il video - Nuova Zelanda (2013) - Brasile (2013), qui un articolo relativo - Uruguay (2013), Stati Uniti (2015), Colombia (2016) - Australia (2017) - Taiwan (2019), qui l'articolo - , Ecuador (2019), qui un articolo - Costa Rica (2020), qui un video. Questa lista dovrebbe espandersi a breve, con l'aggiunta del Cile, il cui Senato ha recentemente approvato la legge sul matrimonio egualitario, in attesa solo dell'esito della Camera dei Deputati.

FONTE: https://www.dosmanzanas.com/2021/09/suiza-aprueba-en-referendum-el-matrimonio-igualitario.html https://www.cromosomax.com/58609-el-matrimonio-igualitario-en-europa

- 🌈 Se ti piace Notizie LGBT metti mi piace alla pagina facebook QUI -

La manutenzione del sito e dei video richiedono un lavoro e costi continui che prima si coprivano tramite le rassegne dal vivo. Ti chiediamo di fare una donazione, anche simbolica, che premi il nostro sforzo che permette che arrivino in Italia notizie e video che non vedremmo mai.

Posta un commento

0 Commenti