LA PITTURA OMOEROTICA ITALIANA DEL SECOLO XV: LUCA SIGNORELLI (LA STORIA COME DOVREBBE ESSERE INSEGNATA)

LA PITTURA OMOEROTICA ITALIANA DEL SECOLO XV: LUCA SIGNORELLI (LA STORIA COME DOVREBBE ESSERE INSEGNATA)

> La pittura omoerotica italiana del XV secolo ha un nome che spicca: Luca Signorelli. L'opera di questo grande pittore suscita ancora oggi reazioni tra gli intolleranti. Nonostante il suo contenuto religioso, alcuni dei suoi temi non piacciono ai pacati censori delle reti sociali.

Luca d'Egidio di Ventura de Signorelli noto come Luca Signorelli o Luca da Signorelli (Cortona, 1445 - 1523) è stato un pittore italiano del XIV secolo. Fu probabilmente uno dei grandi maestri della cosiddetta Scuola Umbra.







Formatosi alla severa scuola di Piero della Francesca, imparò presto a disegnare il nudo con enorme audacia e precisione. Si esercitava a dipingere cadaveri nei cimiteri, un esempio è il disegno al Louvre di un uomo muscoloso che porta sulla schiena il cadavere di un giovane. Entrambi sono nudi.


Nella cattedrale di Orvieto si trovano gli spettacolari affreschi di Luca Signorelli, eseguiti alla fine del XV secolo, che molti credono abbia ispirato Michelangelo a dipingere gli affreschi della Cappella Sistina, per nessun abitante della regione non ci sono dubbi, gli affreschi di Orvieto sono migliori di quelli del famoso artista fiorentino. Molte figure dipinte, quasi sempre nude, compongono un insieme di scene che sembrano allo stesso tempo realistiche e fantastiche.

Questo capolavoro di Signorelli raffigura gli eventi dell'Apocalisse e del Giudizio Universale, ispirato alla Divina Commedia di Dante, e fu dipinto tra il 1499 e il 1502:








Più informazioni, 

Rictor Norton, pittura del rinascimento:
L'apoteosi di Luca Signorelli
Flagellazioni divine

FONTE: https://leopoldestape.blogspot.com/2021/03/los-desnudos-de-luca-signorelli.html

- 🌈 Se ti piace Notizie LGBT metti mi piace alla pagina facebook QUI -

La manutenzione del sito e dei video richiedono un lavoro e costi continui che prima si coprivano tramite le rassegne dal vivo. Ti chiediamo di fare una donazione, anche simbolica, che premi il nostro sforzo che permette che arrivino in Italia notizie e video che non vedremmo mai.

Posta un commento

0 Commenti