MILITARI CHE HANNO AMATO ALTRI UOMINI (LA STORIA COME DOVREBBE ESSERE INSEGNATA)

MILITARI CHE HANNO AMATO ALTRI UOMINI (LA STORIA COME DOVREBBE ESSERE INSEGNATA)

 - La storia ufficiale omette, con discrezione, quanti personaggi omosessuali nel mondo militare ci siano stati nel corso dei millenni. Eccone una lista, sicuramente incompleta.

Il mondo militare è sempre stato un luogo favorevole alle relazioni omosessuali. Nonostante i divieti e le dure pene, alcuni dei più famosi militari della storia vissero le loro storie d'amore con altri uomini, soprattutto soldati, senza troppi problemi. 

Achille
Achille dai piedi alati era uno dei grandi eroi dell'antichità, morto durante l'assedio della città di Troia. Era a capo dei Pelagi durante il famoso assedio. Era l'amante di un uomo più anziano chiamato Patroclo, nel IV secolo a.C. ma questo fu considerato un danno alla sua dignità e la storia fu cambiata, Patroclo divenne il più giovane (più dettagli sulla loro storia d'amore QUI). Il cinema di oggi non ha voluto essere da meno nelle menzogne e li ha trasformati in cugini, tutti e due molto eterosessuali...

Achille e Patroclo raffigurati in una coppa
Epaminonda
Avere la propria famiglia con i propri figli era essenziale per la cultura greca. Il caso del generale tebano Epaminonda (418-362) fu completamente diverso. Non si sposò mai, né ebbe relazioni sessuali con donne, causando uno scandalo tra i suoi contemporanei, che non lo accettarono. Non solo non si sposò mai, ma visse con Pelopide per vent'anni, cosa rara in Grecia, ed ebbe anche i suoi eredi: Micete, Asopicus, con cui combatté a Leuctra, e infine Capissdoro, con cui fu sepolto.

Epaminonda

Alessandro Magno
Il concetto di omosessualità non esisteva e le relazioni omosessuali tra uomini erano viste come normali, purché si trattasse sempre di un amante attivo. Così possiamo vedere Alessandro sempre amorevolmente legato a Efestione. Ma non fu l'unico amante del macedone che prese come amante, ma anche Bagoa, l'eunuco preferito del re dei re, e infine Dario, al quale diede onori nella sua stessa corte.

Alessandro Magno

Silla
Il temibile e spietato generale Silla si sposò quattro volte, ma era sempre accompagnato da un attore greco di nome Metrobio che molti storici indicano come suo amante. Quando abdicò al potere, si ritirò nella sua villa di Miseno con lui e sua moglie Valeria. Lì si abbandonarono a una vita di orge e banchetti senza fine. Quando la pacifica Roma venne a sapere di questa relazione a tre, scoppiò lo scandalo. Valeria e Metrobio furono costretti a fuggire in Grecia dopo la scomparsa del dittatore.

Busto di Silla

Abas I il Grande
Lo scià Abas I il Grande (1571-1629) fu il monarca più famoso e potente della dinastia Safavida. Per ottenere il trono di Persia si ribellò al suo stesso padre, che poi assassinò. Il suo impero si espanse con le conquiste delle terre uzbeke e dell'attuale Iraq e non esitò a uccidere più di 50.000 georgiani. Alleato dell'Occidente, aprì il commercio del suo paese con l'Inghilterra e la Francia. Quando morì, il suo regno si estendeva dall'Indo al Tigri. Questa durezza verso i paesi vicini e il suo modo tirannico di governare, contrasta con la tolleranza religiosa di questo monarca persiano o i suoi costumi "rilassati". Era facile vederlo raffigurato con giovani riccamente vestiti e stava in intimità con loro.  

Lo scià e un allievo

Riccardo Cuor di Leone
Le prove dell'omosessualità di Riccardo I Plantageneto (Cuor di Leone) si trovano persino nei biografi che pretendono di negarla. Le cronache dell'epoca ci raccontano di un principe (figlio di Eleonora d'Aquitania e di Enrico II) che viveva accanto a Filippo Augusto di Francia "che mangiava ogni giorno alla stessa tavola e dallo stesso piatto, e di notte i loro letti non erano separati. E il re di Francia lo amava come la sua stessa anima; e tutti e due si amavano così tanto che il re d'Inghilterra era completamente stupito e meravigliato dell'amore appassionato tra loro" (più dettagli su questa storia QUI).

Riccardo I Plantageneto

Filippo d'Orléans
Filippo d'Orléans guidò la brillante campagna francese nelle Fiandre, e fin da giovane amava vestirsi con abiti femminili circondandosi di amici con gusti simili. Tra la lista degli amanti maschili possiamo trovare Eugenio di Savoia o François-Timoleon, abate di Choisy. Ci fu anche Jules Mancini, "nipote" del cardinale Mazzarino. E soprattutto Filippo di Lorena, detto Chevalier de Lorraine, che governava quasi tirannicamente la casa di Monsieur come concubino ufficiale.

Filippo d'Orléans

Eugenio di Savoia
Il principe Eugenio di Savoia fu uno dei tanti amanti di Filippo d'Orleans. Espulso da Luigi XIV, passò nel bando dell'Austria e fu considerato un eroe nazionale. Lottò contro il Turco, conquistò Belgrado e combattè contro i Borboni in Spagna e in Italia. Non si sposò mai, la sua omosessualità era pubblicamente nota e visse la maggior parte della sua vita con il marchese de Moussaye. I suoi compagni d'armi lo chiamavano "Marte senza Venere". 

Il principe Eugenio di Savoia

I guerrieri samurai
Nel mondo dei guerrieri samurai, il legame d'amore tra un guerriero samurai e il suo giovane allievo era un aspetto fondamentale del loro stile di vita. Usavano vari nomi per questo: "il bel sentiero" o "wakashudo". In effetti, quel che era ritenuto strano era che un guerriero non adottasse diversi ragazzi come suoi amanti. Lo shogun Tokugawa Ieyasu fu uno degli ultimi difensori di questa realtà, ma dopo la pacificazione del paese nel XVII secolo, iniziò il declino di questo stile di vita.

Stampa su legno di Ishikawa Toyonobu che mostra un wakashū (a sinistra) e un maschio adulto (a destra). Si noti la differenza nell'acconciatura.

I pirati guerrieri
Nel mondo della pirateria le relazioni tra persone dello stesso sesso divennero molto importanti e furono stipulati codici di condotta interni per evitare tensioni interne. Corteggiare il "matelot" di un altro poteva significare la morte, e quando un amante moriva i suoi averi venivano consegnati al suo "vedovo".


Bucaniere dei Caraibi di Howard Pyle

Friedrich Wilhelm von Steuben
Nel 1780, George Washington incaricò il barone prussiano Friedrich Wilhelm von Steuben di aggiornare le ordinanze militari che esistevano da più di 150 anni. Il generale era fuggito dall'Europa con il suo amante di 17 anni. Il barone non smetteva di frequentare altri giovani, di solito soldati o suoi servitori. Uno di loro, John Mulligan, aveva avuto una relazione con Charles Adams, il figlio ribelle del secondo presidente degli Stati Uniti. Si dice che lo stesso generale Washington fosse omosessuale, e anche se non ci sono prove che avesse relazioni omosessuali, permetteva ai suoi stretti collaboratori di vivere con i loro partner.  

Il barone Friedrich Wilhelm von Steuben

Lawarence d'Arabia
Lawarence d'Arabia ha mostrato il suo amore per i giovani arabi berberi. Uno di loro, Daroum, era un bel giovane che lo ha subito affascinato. Quando lo conobbe, Ahmed aveva solo 15 anni, lui 26. Divenne il suo assistente, ma la sua grande intelligenza portò Lawrence a insegnargli a leggere e scrivere, e diventarono compagni inseparabili.  Scalarono le montagne, vagarono insieme nel deserto, fecero il bagno nel mare e costruirono insieme la loro casa. Lo portò in Inghilterra e a casa sua fece una scultura di Ahmed che mise sopra la sua casa. Al gruppo si unì lo sceicco Hamoudi, che disse di aver lasciato tutto per seguire l'avventuriero inglese: "Avrei potuto scegliere di essere l'uomo più ricco di Gerablus e ho scelto di seguirti", dirà alla morte di Lawrence.

Laurence e Ahmed che condividono il turbante

FONTE: https://leopoldestape.blogspot.com/2021/08/militares-que-amaron-otros-hombres.html

- 🌈 Se ti piace Notizie LGBT metti mi piace alla pagina facebook QUI -

La manutenzione del sito e dei video richiedono un lavoro e costi continui che prima si coprivano tramite le rassegne dal vivo. Ti chiediamo di fare una donazione, anche simbolica, che premi il nostro sforzo che permette che arrivino in Italia notizie e video che non vedremmo mai.

Posta un commento

0 Commenti